Himalaya: Rishikesh e Devprayag - Ago/Set 2010

7 settembre 2010, “La conclusione del nostro viaggio è l'inizio di una nuova vita”

Siamo ormai giunti al giorno prima della partenza. La mattina all'alba andiamo a dare il nostro ultimo saluto a Ganga Mayi.

Ci sediamo sulle sue rive a meditare, pensiamo allo scorrere della nostra vita, facciamo un bilancio per capire dove siamo e dove vogliamo andare. Sentiamo un forte impeto dentro di noi. Il desiderio forte, l'unico che esiste, è quello di abbandonarsi a Dio.

6 settembre 2010 pomeriggio, “L'Amore è la meta del nostro viaggio”

Arriviamo su di un ghata che si trova proprio davanti alla confluenza del Bhagirati e dell'Alakananda.

Facciamo un bhajan per predisporre la coscienza all'ascolto delle sacre narrazioni.

Una fila di indiani seduti su di un muretto sopra di noi ci stanno a guardare e si uniscono al nostro canto. Poi offriamo puja a Shrila Prabhupada. Durante la cerimonia, non riusciamo ad offrire la fiamma perché il cotone utilizzato è poco inumidito di ghi.

5 settembre 2010 pomeriggio, “Visita al tempio di Shri Rama”

Nel pomeriggio ci rechiamo in visita al tempio di Shri Raghunath, manifestazione di Shri Rama.

Per recarci in questo luogo, camminiamo per i vicoli di Devaprayag. Vediamo gente semplice, naturalmente devota, che si stupisce nel vedere degli occidentali che sono arrivati fino a qua.

Infatti, fino ad ora non abbiamo ancora visto nessun turista, nessun occidentale in visita.

5 settembre 2010 mattina, “Il ciclo eterno della vita”

La mattina andiamo nella spiaggia che è proprio davanti al nostro albergo e qui Matsyavatar Prabhu ci offre alcune riflessioni sul senso del nostro viaggiare.

“Sono felice di essere in questo luogo di grande sacralità e di essere qui con voi, cari compagni di viaggio che avete affrontato con spirito costruttivo disagi, scomodità e piccole rinunce per avvicinarvi alla comprensione profonda di voi stessi e del senso del nostro andare nel mondo”.

4 settembre 2010, “L'arrivo a Devaprayag”

Salutando Rishikesh

Stamani salutiamo Rishikesh, dove abbiamo lasciato il cuore, e saliamo su dei pullman che ci portano a Devaprayag, la città delle sacre confluenze, laddove i fiumi Bhagirati e Alakanda s'incontrano e danno origine alla Ganga.

Dopo un viaggio alquanto impegnativo a causa di un tragitto impervio, arriviamo nel pomeriggio in un posto incantevole.